Pin It

resti mortali ossaPochi minuti fa è terminato il servizio mandato in diretta da Telemia, la TV dei due mari, sul Cimitero vecchio di Ferruzzano.Un documentario realizzato dalla troupe di "Kaos Kalabro". Un format sulla scia de "Le iene". Domani alle 14 replica del servizio. Abbiamo ammirato ossa di vecchi morti sparse tra la spazzatura alla mercè di animali di passaggio. Anche di animali “umani”.
Già da circa due anni è stata documentata la situazione ripugnante in cui si trova il vecchio Cimitero di Ferruzzano. Basta rivedere il documentario “Ferruzzano - Documentario sul Terremoto del 23 ottobre 1907” della serie Radici condotta dal fantastico Pino Carella. Documentario rimandato in onda i primi di novembre dell’anno scorso in occasione di una mia intervista in diretta condotta sempre da Pino.

Se cliccate su questo link potrete vedere il documentario http://www.radiocivetta.eu/index.php/videoteca/43-telemia/745-ferruzzano-documentario-sul-terremoto-del-23-ottobre-1907.html

Il sindaco dunque non poteva non sapere. Anche perché quando andò in onda il documentario in cui si vedeva il professore Orlando Sculli che dissertava con Pino Carella sulla “malacreanza” degli amministratori a proposito delle condizioni disastrose in cui versava il vecchio cimitero con la profanazione dei defunti,  la sindachessa pare che se ne ebbe a male sia con lui che con Pino per il servizio e i commenti. Troppa pubblicità negativa. Meglio nascondere la verità. Mettere la polvere sotto il tappeto.

sindachessa di ferruzzano inaugurazione mostra mestieri ferruzzanoRende di più quando, bella e soave, va a tagliare nastri a inaugurazioni di mostre e saghe, piste ciclabili sul mare, ripresa in cortei contro le vittime della strada. Vuoi mettere? I resti mortali dei nostri poveri morti potevano attendere. Tanto dove andavano? E sono rimasti lì ancora anni dove giorni fa la troupe di Kaos Kalabro li ha ripresi e ce li ha fatti vedere stasera. Visione in tutto il mondo. Io ho visto la trasmissione in streaming da Roma, altri dal Canada, Stati Uniti, Australia e così via. I morti parlano…

La sindachessa Marisa Romeo, dopo la gita rupestre con vista teschi e tibie  è stata poi intervistata da uno della troupe. La sindachessa  sembrava infreddolita. Uno spettacolare scialle le copriva le spalle, forse non ci sono i riscaldamenti al comune, costano troppo e i soldi scarseggiano forse perché spesi per la linea internet veloce. Perchè pare stiano portando la linea ADSL al paesello fantasma di Ferruzzano superiore, a beneficio delle capre con computer a linea ad alta velocità. Pare che in questi giorni abbiano interrato i fili che conducono al borgo antico la linea ADSL. Come al solito divago, ma le notiziole sono intriganti…

Dicevo,  la sindachessa, che con le dita martoriava un pezzetto di carta,  ha ricevuto gentilmente la troupe al palazzo comunale dove troneggia sulla facciata la scritta sfacciata:”Qui la ndrangheta non entra” (?!) . E alla domanda se sapesse delle condizioni del cimitero vecchio e delle ossa sparse ha risposto in un modo che pareva mentisse sapendo di mentire... In volto dipinto lo smarrimento. Ha detto che non sapeva. O che sapeva? Ma ora che sa e provvederà subito. Ma nel dire che non sapeva ha detto  che in effetti andando al bosco, a Rudina ci si imbatte in questi poveri resti ma siccome nessuno li ha mai reclamati ( magari perché sono morti) stanno lì. Adesso però si attiverà, avviserà  la ASL e si farà quello che si deve fare. Allora sapeva, vedeva. Ha visto “Radici” “Ferruzzano - Documentario sul Terremoto del 23 ottobre 1907” che denunciava il fatto. Ha visto le ossa. Ed è al suo secondo mandato a sindaco. Ormai va per i sei anni di comando. E prima era vicesindaco. Ma siccome nessuno si faceva avanti a raccattare i resti mortali gli amministratori, da persone riservate si sono fatti i fatti loro. Che fosse sacrilegio, profanazione di terra consacrata, mancanza di rispetto per i morti tutto ciò era acqua fresca. Non aveva valore. Basta una tarantella una zeppola e un paio di scarpe nuove. E il borgo antico con presepi viventi e processioni pasquali. Ma non bisogna avventurarsi oltre il borgo antico. Si incontra il vecchio Cimitero di Santo Nicola. Quello in mezzo alla mondezza e ai cani randagi con le ossa dei nostri poveri concittadini come pasto.

I morti possono attendere. C’è da occuparsi di chi dà fastidio perché denuncia, quindi da portare in procura, bisogna guadagnarsi la pagnotta che pare sia d’oro e i legali istituzionali fanno del loro meglio per stare sempre a galla con le buone ma spesso non tanto...; ci sono quelli a cui  assegnare casette Lodigiani, la graduatoria è un optional. E’ come una copertina, si tira dove c’è più freddo e dove tira la pecunia. E La procura di Locri sta a guardare. Magari oltre che guardare fa anche altro. E chi lo sa. Le vie che portano “alla giustizia che giustizia" sono tante e non sempre proprio dritte… Le consorterie funzionano.

Gente vicina e lontana questi sono i nostri politici. Ci dispiace per quella povera carta ( forse di caramella) che la sindachessa professoressa Marisa Romeo tormentava mentre rispondeva alle domande dell’intervistatore cercando risposte che non la sputtanassero troppo. Tempo sprecato. L’amministrazione di Ferruzzano esce con le corna rotte.

cappella cimitero 02 11 2012 copiawp 000159 copiaInvito la troupe di Telemia a fare un sopraluogo al cimitero ”nuovo”di Ferruzzano. Alle Chiusette. Sempre ubicato Saccuti, frazione di Ferruzzano superiore. Paese disabitato da decenni. Cimitero”nuovo” nato tra gli anni ‘50 e ‘60 del secolo scorso. Cimitero franato, pericoloso e pericolante per i morti e per i vivi che vi fanno, raramente, visita. Rischiano di non ritornare alla marina.
Il culto di morti è civiltà. A Ferruzzano i morti vengono abbandonati nelle discariche. Regolatevi, gente, con che gente si convive. Cittadini di Ferruzzano, uniamoci e facciamo costruire un Cimitero alla marina di Ferruzzano.  In un territorio sicuro. Dove i morti possano essere onorati dai loro familiari che devono avere la possibilità di andare a trovare i loro cari passeggiando tra i viali ombrosi in un luogo che sappia di pace e non di abbandono e disprezzo.

Seguiteci, a breve su questo giornale, ci sarà il filmato in questione, per gentile concessione dell'emittente Telemia. Le nostre parole sono sempre sostenute dai fatti! Così, coloro che non hanno avuto modo di vedere quello che ho descritto lo potranno vedere.

Post scriptum: Per conoscere lo stato del cimitero “nuovo” di Ferruzzano superiore leggere questo articolo " Due Novembre. Il giorno dei Morti. In memoria al Medico Domenico Marando. Cimitero abbandonato" scritto il 2 novembre scorso. Il motivo di questa diffusione è la richiesta di un Cimitero vicino al paese reale. Per potere onorare i morti e i vivi. Non ai borghi antichi abitati dalle ciavole, dai cani randagi e dalle greggi di pecore e capre

Post Post - ATTENZIONE

E'arrivato il VIDEO di Kaos Kalabro!"L'ossario cielo aperto del Cimitero vecchio di Ferruzzano superiore nella locride. Calabria"

Noi le promesse le manteniamo. Ho richiesto a Giovanni Maiolo e a Daniela Talia di "Kaos Calabro" dell'emittente calabrese tv Telemia, la cortesia di farci avere al più presto il servizio sul Cimitero andato in onda il 18 dicembre scorso. Mi hanno accontentato per accontentare i lettori.  Antonio Riggio lo ha postato praticamente subito su you tube non attendendo i tempi “regolamentari”, oltre una settimana dalla trasmissione e più, per accontentare gli utenti che hanno letto il mio articolo ma non sapevano fino in fondo di che parlavo perchè non avevano avuto la possibilità di vedere il programma.
Ecco a voi, signore e signori, il video sul vecchio Cimitero di “Santo Nicola” e i suoi "reperti". All'antivigilia di Natale del 2012.