Pin It
Comunicato Stampa
Dopo la lite stradale che nella Capitale ha causato un morto e un ferito
SAN BASILIO, AGGRESSIONE AL PERSONALE DELL'AMBULANZA:
INDIGNAZIONE E SOLIDARIETÀ DALL'ORDINE DEI MEDICI DI ROMA
Lala: "Assurdo e inaccettabile, non succede nemmeno nelle zone di guerra"


LogoOrdineMedici
Con forte indignazione e profonda preoccupazione: così viene commentata dall'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri l'aggressione subita ieri nella Capitale dal personale di un'ambulanza del 118 accorsa nel quartiere di San Basilio dopo una lite tra automobilisti che ha causato un morto e un ferito.


"Sono anni che denunciamo in tutte le sedi la crescente aggressività nei confronti dei medici e del personale infermieristico, nei pronto soccorso come nei reparti di degenza", ricorda il presidente dell'Ordine, Roberto Lala. "Adesso si è arrivati ad aggredire anche gli equipaggi delle ambulanze che tentano di salvare delle vite: professionisti che non fanno mai distinzione tra i feriti che si trovano a soccorrere, anche se tra loro c'è qualcuno che ha commesso reati. E' assurdo, è inaccettabile. Non succede - sottolinea con amarezza Lala - nemmeno nelle zone di guerra, dove ambulanze e barellieri sono rispettati dai combattenti".

L'Ordine evidenzia che il primo mezzo di soccorso risulta giunto sul luogo della lite appena 6 minuti dopo la chiamata al 118, quindi con grande tempestività. Ciò nonostante è stato preso d'assalto dalla folla locale e semidistrutto. I tre operatori sono stati colpiti con calci e pugni, uno ha riportato la frattura della clavicola e tutti hanno avuto bisogno di ricovero presso l'ospedale Sandro Pertini. Subito dopo è giunta sul luogo anche una seconda ambulanza che è riuscita a raccogliere un ferito colpito da una coltellata alla guancia.

"Ci uniamo allo sconcerto e all'uguale indignazione del direttore dell'Ares 118, Livio De Angelis", dichiara il presidente dei camici bianchi romani. "Ma la stigmatizzazione di questi eventi non basta: chiediamo al Questore della Capitale di assicurare più tutela nei confronti di chi opera per salvare vite e si spende per salvaguardare la salute dei cittadini. Chiediamo con forza che siano individuati i responsabili di quest'azione incomprensibile e incivile, i quali devono essere puniti seriamente. Soprattutto torniamo a lanciare l'allarme sul clima di conflitto tra medici e pazienti: costantemente alimentato e inasprito dalla pubblicità di alcuni studi legali, come pure da notizie sui mass media spesso improntate al sensazionalismo piuttosto che alla puntuale informazione. Con questi risultati", conclude preoccupato Lala.

Roma, 13 giugno 2013
ORDINE PROVINCIALE DI ROMA DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI

Ente di Diritto Pubblico (D.L.C.P.S. 13/9/1946 n. 233)

------------------------------------------------------------------------------

Relazioni con la Stampa

(Flavio Massimo Amadio: 349.56.49.613 - 06.44.17.121 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

10


Codice di sicurezza
Aggiorna