Pin It

romolo marando rd 200.jpg
Gli interessi dei governanti di tutto il mondo devono essere tutelati. Pertanto, avendo dalla loro le redini dell’informazione mediatica, fanno diffondere comunicati che da una parte che colpevolizzano e terrorizzano l’uomo, dall’altra gli indicano i rimedi da seguire. Così deviano l’attenzione su un falso problema e loro ingrassano. Veniamo al dunque:

Sin dalla metà della metà della fine del secolo scorso si parlava di ecologia e quasi nessuno sapeva il significato di questa parola, neanche chi aveva studiato e preso la laurea. Ora, un poco la pubblicità, un poco i vari governi, un poco chi ha grossi interessi e un poco i verdi e i gialli (per i loro interessi e sopravvivenza) quotidianamente ci martellano, incutendoci paura di inquinamenti e di morte. Siamo già nel limbo, ad un passo dall’inferno, e gli scienziati lo sanno benissimo che se il sole, unica fonte di vita, con le sue macchie capricciose, non modererà questa altalena di espansione e di restringimento delle sue macchie, che ha cicli precisi undicennali, tanto da disturbare le trasmissioni radio di una certa lunghezza, le cose andranno male per gli umani.


L’uomo è responsabile di minima cosa di fronte a questa catastrofica apocalisse di distruzione che si sta presentando e non bisogna essere Nostradamus per capirlo e saperlo. Nei millenni passati e anche nei milioni di anni scorsi, ci sono state delle ere glaciali e non. I ghiacciai sono arrivati all’equatore e solo con l’immaginazione si può arrivare a capire la catastrofe. Quindi l’uomo è relativamente responsabile del calore di pochi gradi centigradi che si sta verificando sulla terra da un pò di tempo. Da sapere che il sud d’Italia, al tempo dell’impero romano, era, d’inverno, sotto ghiaccio.

Le fiumare della Sicilia e della Calabra erano gelate. Anche cinquanta anni fa le tegole dei paesi collinari calabresi avevano d’inverno le “candelelle”, ossia lunghe spade di ghiaccio al punto di scolamento. L’innalzamento di temperatura che stiamo assistendo dipende dalle protuberanze del sole e anche in piccolissima parte per l’operato dell’uomo con gli scarichi di gas dei carburanti. Questo fatto di “scarico” può cessare in un baleno se si mettono da parte grossi interessi economici di petrolieri e capi di governo. Si sa benissimo che le risorse petrolifere possono durare ancora altri quaranta anni e non di più e bisogna ricorrere ai ripari. I ripari sono possibilissimi. Si passa direttamente all’idrogeno che è energia pulitissima e non finisce mai.

L’uno per cento di tutto ciò che vediamo e tocchiamo è idrogeno, che ha il vantaggio di tornare a ciò che era prima, senza rompere equilibri naturali. Ha un potenziale energetico superiore di tre volte quello del petrolio: un grammo di idrogeno sviluppa 30.000 calorie mentre un grammo di benzina sviluppa 10.000. E’ disponibile in quantità illimitata: Un Km. cubico di acqua contiene 113 milioni di tonnellate di idrogeno equivalenti all’intera produzione energetica del Medio Oriente per un anno, e bruciando produce solo acqua. L’idrogeno non finisce mai Ma non si vuole arrivare ad usarlo. E’ più sicuro sulle automobili: una macchina a benzina è una bomba incendiaria sulle strade, una macchina ad idrogeno non lo è.

Ho un amico che ha ottenuto l’unico brevetto industriale mondiale di un motore alimentato ad idrogeno ed acqua che porta il numero 1032100 ed è di 33 anni or sono. Allora non si sapeva cosa fosse l’idrogeno. Ha percorso centinaia di chilometri su strade con una seicento con motore ad idrogeno. L’idrogeno è a portata di mano, basta saperlo chiedere a madre natura. Essa te lo offre su un piatto d’argento ed è felice di dartelo, non la offendi, anzi ti complimenta regalandoti cicli naturali di vita non solo per te, ma anche per gli altri due regni, vegetale e minerale. Il petrolio potrebbe servire per preparare medicine, unguenti, vernici ed altro, ma non essere usato come carburante. C’è il combustibile idrogeno che basta ed avanza. Ma se si utilizzasse gli interessi lesi sarebbero troppi! Non si può fare! Meno male che la natura è provvida, è buona, è permessiva ma guai ad offenderla.


Aggiungi commento

10


Codice di sicurezza
Aggiorna