Pin It

U FRISCHJOTTÉJU

fischiettoMancávunu pochi jorna p’a fera i sant’Úrzula chi ogni annu si facía a Radicína, e u massáru Turi u Longu dicidíu i vaji pur’iju i si vindi i numáli chi si suverchiávunu e pammu si ccatta na cucchja i voi p’o carru.Si seppi nt’o pajísi e a ogni vanda chi jia u fermávunu patri i famígghja chi ndavívunu figghji picciriji, chi si ricívunu:

“Massáru Turi, seppi ca chist’annu jiti a fera e siti sulu vui nt’o pajísi e vinni i vi pregu u si portáti nu beju frischjottéju d’u figghjoléju meu u picciríju, ca i na simána ciangi d’a matína a sira ca voli unu; portatasíllu, ca dopu v’u pagu!”

A sira murri i genti rrivávunu a casa e bbussávunu p’o frischjottéju d’i so figghju e tutti jívunu senza sordi, prometténdu ca dopu, quandu s’u rava, s’u pagávunu. Non avía paci cchjù e a ogni vanda chi jia, i patri si carcávunu, sempri p’o frischjottéju e nuju si rava sordi ed eranu ormái cchjù i nu centináru i patri chi volívunu u frischjóttu p’o figghju.

Rriváu u jornu r’a parténza pa fera e u massáru Turi, ncavarcátu supa o suméri, pigghjáu a via verzu o Zíjastru, toccándu avánti crapi, pécuri, vacchi, porci chi ndavía u si vindi. A nu certu puntu u fermáu nt’a strata, doppu chi si cacciáu a barrítta, mastru Micu u Jencu, chi porgéndusi sordi cchjù d’u giustu si rissi:

“Cumpári massáru Turi, scusáti ca vi sconzu, ma seppi u figghjólu meu i l’attri cotrári, ca si portáti frischjótti pa tutti; ndavíti a bontà u si portáti unu puru pa r’íju! Si vi rresta cocchji sordu, mbivítavi nu bicchéri i vinu pa vostra e pa me salúti”.

“E  to fígghju frischja!” Pensáu Turi u Longu, ggiungéndu:

“Cumpári Micu siti servútu!”

Quandu tornáu r’a fera, na murra i patri, nzemi a na murra i figghji u rriváru a casa p’o frischjóttu, ma u massáru si rissi:

“Boni cristiáni, quandu rrivái a fera, i frischjótti ndavívunu finútu, tranni unu, chi s’u portái p’o figghju i mastru Micu u Jencu, chi mi ndavía ratu i sordi!”

I patri rrestáru cu nu parmu i nasu e tornáru nte so casi ch’i so figghjoli, chi parívunu a banda pilúsa i quantu ciangívunu.

Pa na simána, u figghju i mastru Micu u Jencu, cu nu frischjottéju i crita jia strati strati, sonándu e appréssu si jívunu tutti i cotrári d’u pajísi, ciangéndu.

Fiaba raccontáta da Trimboli M. Francesca

IL FISCHIETTO

Mancavano pochi giorni per la fiera di Sant’Orsola, che ogni anno si teneva a Radicena, quando il massaro Turi il Lungo, decise anche lui di andarci, per vendere delle bestie e con il ricavato comprare una coppia di buoi da tiro, per il carro.

Si seppe nel paese e ovunque andasse, lo fermavano padri di famiglia che avevano dei figli grandicelli e gli dicevano:

“Massaro Turi, ho saputo che quest’anno andrete alla fiera e siete il solo a farlo del nostro paese e son venuto a pregarvi di portare per il più piccolo dei miei figli, un bel fischietto”; i soldi ve li darò quando me lo consegnerete!

Ogni sera una folla di padri di famiglia si presentava a casa sua per commissionargli fischietti, ma ognuno prometteva che avrebbe pagato alla consegna.

Non aveva più pace e ovunque andasse, moltitudini di padri lo rincorrevano, sempre per lo stesso motivo e nessuno gli dava dei soldi e ormai le prenotazioni superavano il centinaio.

Arrivò il giorno della partenza e il massaro Turi, a cavallo di un asino, prese la via verso lo Zíllastru spingendo avanti, pecore, vacche, maiali, che doveva vendere.

Ad un certo punto lo fermò in mezzo alla strada, togliendosi il berretto e riverendolo, mastro Mico il Jenco, che allungandogli dei soldi più del dovuto gli disse:

“Compare Massaro Turi, scusate se mi permetto, ma ho saputo da mio figlio, che a sua volta l’ha appreso da altri ragazzi che voi porterete fischietti a tutti i ragazzi del paese; potreste portare uno pure a lui? Se vi resta poi, della somma che vi ho dato, qualche soldo, vi berrete un bicchiere di vino, alla vostra e alla mia salute!”

“E tuo figlio suonerà il fischietto!” Pensò Turi il Lungo che aggiunse:

“Compare Mico, sarete servito!”

Quando ritornò dalla fiera una moltitudine di padri, si recò alla sua casa per il fischietto, ma il massaro disse loro:

“Amici, quando giunsi alla fiera, tutti i fischietti ormai erano stati venduti, tranne uno, che ho comprato per il figlio di mastro Mico il Jenco, che mi aveva anticipato i soldi!”

I padri rimasero con un palmo di naso e ritornarono alle loro case, assieme ai loro bambini, che piangendo e strillando in assieme, ricordavano una banda musicale. Per una settimana invece, il figlio di mastro Mico il Jenco, modulando il suo fischietto di creta, andò senza posa per le strade del paese, inseguito da una moltitudine di bambini incantati e piangenti.

Aggiungi commento

10


Codice di sicurezza
Aggiorna