Pin It

Evento storico – grazie all'Associazione O.L.A. “Oltre l'Arcobaleno”onlus, a Siderno, presso il Centro Commerciale La Gru, si è svolta la PRIMA MOSTRA FELINA AMATORIALE in tutta la Calabria

Presenti all'evento il Sindaco di Siderno Riccardo Ritorto e l'Assessore alle politiche giovanili Ivan Bolognino

mail.google.comIl 17 febbraio, nella giornata mondiale del felino, con il patrocinio del Comune di Siderno, all'interno dell'evento Il carnevale della Proloco, l'associazione O.L.A. (Oltre l'Arcobaleno Onlus), in collaborazione con il Centro Commerciale “La Gru”, ha realizzato un evento storico: la Prima mostra felina amatoriale, in tutta la Calabria.

La mostra è stata realizzata all'interno del Centro Commerciale stesso ed ha avuto, nonostante le difficoltà causate da un incidente stradale che ha bloccato per quasi un'ora la circolazione locale, un numerosissimo pubblico.
Riuscitissima dunque la prima mostra felina che sia mai stata realizzata non solo nella locride, ma in tutta la Calabria e finalmente la Calabria alla ribalta non per eventi di mafia o politica corrotta.
Dal 1990, la festa del gatto è celebrata in Italia , tutti gli anni il 17 febbraio.
Ma mai nessuno in zona, aveva pensato di collegare tale festa ad una mostra di gatti, che ricordiamo era amatoriale e dunque un omaggio alla figura del gatto.

La mostra infatti si discostava nettamente dalle classiche esposizioni feline con gatti di razza tenuti per giorni in teche di vetro al solo scopo di far conoscere razze sempre più selezionate e che nasconde delle subdole forme di sfruttamento, dove i gatti  vengono mercificati, esposti e giudicati e, a seconda del loro piazzamento, guadagnano una valutazione come riproduttori, andando ad alimentare l'ignobile mercato di essere viventi.
Il fine della mostra invece dell'Associazione, che ricordiamo è una onlus, era informare le persone che gli animali devono essere trattati come esseri senzienti e che (che siano gatti o cani o altre specie) non andrebbero comprati, fatti accoppiare selezionando la razza per poi venderne i cuccioli, ma andrebbero solo adottati tra quelli che han bisogno di una casa.
L'associazione O.L.A. ha tra gli scopi principali fini benefici per gli animali, come quello di cercare loro una casa, ma non mischiarsi con gli allevatori o con chi sfrutta gli animali per soldi.
Ed infatti all'interno della mostra era previsto anche un banchetto informativo per adottare e far adottare cuccioli.
Quest'anno il giorno del gatto cadeva sotto Carnevale e dunque era anche d'obbligo collegare la figura di questo felino, sdrammatizzando, con quella del celebre “gatto con gli stivali”, e non solo, visto che spesso la figura del felino viene associata alla figura femminile, l'associazione ha pensato bene che la giuria fosse composta solo da donne.
Ed in effetti le “giurate” erano Loredana Alvaro,Marò D'Agostino,Nadia Minniti, Roberta Papa,Antonella Pelle,Antonella Scabellone e come presidente di giuria non poteva che esserci una veterinaria,  Francesca Ruga.
Da secoli, inoltre la figura del gatto viene associata alla dea dell’amore Pasht, compagna del dio sole Ra, nota  anche come Bast, Bastet o Bubasti e raffigurata come una donna con la testa di gatto. Gli vennero dedicati templi e cimiteri ed era un onore speciale poter seppellire il proprio gatto nella vasta necropoli di Bubasti, principale luogo di culto della dea-gatta. (All'epoca chi faceva soffrire o uccideva un gatto poteva essere punito con la morte). Per millenni , sin dall'antico Egitto, le donne applicavano agli occhi sottili linee di kajal che rendevano i loro occhi simili a quelli dei gatti.
I più moderni cultori del new age affermano che le donne vedano nel gatto un'incarnazione dei loro ideali: creature capaci di amare e di stabilire forti legami, ma allo stesso tempo forti, libere e indipendenti, che non temono di esternare i propri sentimenti e non hanno bisogno di un capo.
La scrittrice Colette diceva che donne e gatti si somigliano perché "entrambi possono essere costretti a fare solo ciò che vogliono fare".
Anche le “presentatrici” dell'evento sono state due donne, la giornalista Maria Teresa D'Agostino e la presidente stessa dell'Associazione, giornalista anche lei, Marilene Bonavita.
E naturalmente non poteva che esserci , tra le opere dello scultore Joey Gulloni, che ha presenziato la mostra, la testa della “bella che è arrivata”, Nefertiti.
Stupende e sinuose opere hanno arricchito l'evento. Il maestro Gulloni è riuscito a riconoscere e riprendere nelle sue sculture tutta la bellezza e la sinuosità delle donne.
Ma anche l'allestimento scenografico non poteva che essere curato da un'altra donna, Anna Arpaia, titolare dell'Emporio Arpaia di Siderno, che ha saputo creare un'immagine tanto cara ai mici, un prato, un tappeto verde di palloncini con fiori, oltre ai festoni ed alle immagini di tutti i gatti che hanno caratterizzato i films per bambini.
Alla realizzazione della mostra hanno contribuito anche l'Azienda Agricola Vitivinicola Lucà di Bianco, Via Marchese, 34 Bianco (RC) www.cantineluca.it , la Gioielleria EB di Ersilia Benedetto, Corso Garibaldi,110  Siderno (RC), il negozio Computer house di Domenico DeLeo e Alessandro Sfara, snc via dei colli Siderno (RC) ;il Centro Bimbo di Commisso Vincenzo s.s 106 Siderno (RC) .
Tutti bellissimi i gatti che hanno partecipato e, al contrario di quanto si potesse pensare, per nulla impauriti dalle presenze “sconosciute”, né dalla splendida musica del maestro Peppe Platani che ha accompagnato la voce di Roberta Papa, o da quella un po più pop, rock del trio musicale i Mattamusa. Mitica la gestione della consolle da parte di Andri Dj
Il primo premio è andato ad Ermes, gatto norvegese maschio di 13 anni di Carmelita Mittoro; a parimerito per il secondo posto, due micioni,  Nemo gatto persiano esotico maschio di 2 anni di Antonio Gaudino e Principessa gatto similpersiano femmina di 2 anni di Sabrina Calautti; parimerito anche peri terzi classificati, Lele, gatto europeo maschio di 9 mesi di Carla Maria Delfino e Cheri gatto europeo maschio di 13 anni di Morena Speziali.
Insomma a riprova che la giuria alla fine ha ritenuto tutti bellissimi.
Premio speciale naturalmente doveva esserci anche per il gatto nero: Paride gatto norvegese maschio di 13 anni di Anna Enrica Postorino.
Tutti gli altri mici intervenuti, bellissimi anch'essi, hanno avuto in omaggio, sempre offerti dal negozio “Max Boutique degli Animali “ di Michele Fieromonte, un collarino ricordo e le targhe offerte dal Centro Commerciale “La Gru”.
Un sentito ringraziamento alla “mamma “ di Ermes, per aver deciso di tenere solo il collarino “d'oro” e donare in beneficenza per i gattini randagi la confezione di 5 kg di croccantini di una nota marca per felini.
Per le foto e le riprese grazie alla fotografa Valentina Giovinazzo dello Studio fotografico "Primo piano di Giulio Archinà di Siderno, chiunque potrà godere di un particolarissimo ricordo dell'evento.

Tra i prossimi eventi, giorno 3 marzo, anche Siderno, grazie all'associazione O.L.A. vedrà  Piazza Portosalvo tra le piazze d'Italia che hanno aderito all'iniziativa con un presidio e del materiale informativo contro GREEN HILL di Occupy green hill.

Le foto sono di Valentina Giovinazzo dello studio fotofrafico "Primo piano" di Giulio archinà di Siderno.


Aggiungi commento

10


Codice di sicurezza
Aggiorna